english espanol francais
Sei in: Home arrow Le news arrow UNA FIGURA PROFESSIONALE INNOVATIVA arrow Notizie arrow Ultime 




A.L.B.A. SOSTIENE LA CAMPAGNA
GIU' LE MANI DAI BAMBINI

Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini

TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Le news Notizie Ultime

Cerca per tag : SOIA, NUTRIZIONE, PROTEINE, emicrania, mal di testa


UNA FIGURA PROFESSIONALE INNOVATIVA PDF Stampa E-mail
Wednesday 13 February 2008

Rating 0.0/5 (0 vote)

Estratto dell'intervista al PROF. PIERLUIGI POMPEI 
Professore, oggi Lei è il direttore e l’ideatore del primo corso di laurea in Italia in “Scienze e tecnologie del fitness e prodotti della salute” presso l’Università di Camerino. La volontà è stata quella di creare una figura professionale completamente innovativa. Ce ne può parlare?

Sicuramente una figura nuova e molto più completa: l’idea è quella di formare delle figure professionali che riescano in seguito a fornire un’informazione completa e corretta - a trecentosessanta gradi – anche su quelli che sono i prodotti della salute, il marketing, il management delle imprese di fitness, e le regolamentazioni legislative che regolano il mercato.

Una figura quindi molto innovativa e che apporterà finalmente professionalità e competenze, in un settore e mercato che è sempre più grande e in via di sviluppo. Negli anni, soprattutto quelli statunitensi, mi sono occupato di quelle che erano le prerogative degli aspetti lavorativi e scientifici utilizzati, proprio perché gli Stati Uniti sono sempre stati un punto di riferimento nell’ambito. Attraverso studi e deduzioni personali e professionali sul confronto con i nostri sistemi, ho sviluppato quindi l’esigenza di questa figura che è per l’appunto la prima in Italia, ad avere questo tipo di apertura e professionalità. Molto spesso i professionisti non hanno una formazione completa, quindi non sono in grado di fornire garanzie di una preparazione culturale sufficientemente ampia e varia, quale solo una struttura universitaria può assicurare. L’Università di Camerino ci ha consentito di creare un corso nuovo sulla base di una esperienza molto positiva, quella del master che io dirigo ormai da quasi 4 anni in “Scienze dello sport e del fitness”, sugli aspetti fisiologici, nutrizionali e farmacologici. I laureati in questo corso, oltre ad acquisire competenze e conoscenze professionali di natura multidisciplinare (non solo anatomia, chimica, farmacologia e tossicologia, ma dovranno avere anche una formazione su aspetti pedagogici, manageriali, giuridici), avranno come valore aggiunto conoscenze di natura economica, giuridica, informatica e linguistica, utili per una corretta gestione di palestre e centri di benessere e quant'altro,  riconosciuta di conseguenza anche a livello internazionale".
Da qui si puo' dedurre la forte valenza del rapporto di convenzione stipulato con A.L.B.A, nella comune finalità di creare un riconoscimento effettivo ed una chiara identificazione alle figure professionali che operano in questo grande "universo" e sono riconducibili al fitness o al wellness.

- Nonostante L’Università di Camerino sia molto piccola, ha una buona comunicazione verso l’esterno ed è pronta ad offrire diversi servizi e a sperimentare e supportare corsi innovativi come il suo.


Sì, un aspetto importante da sottolineare per me, è che l’Università oggi deve essere internazionale, soprattutto per quanto riguarda gli studi in campo scientifico. Questo perché si parte dal presupposto che tutta la ricerca scientifica e i testi sono in inglese. Nonostante l’università di Camerino abbia piccoli numeri d’iscritti e relative possibilità economiche, è in grado di offrire diversi servizi e corsi totalmente in inglese - una delle poche università in Italia - come il corso in Biotecnologia. Abbiamo molti studenti stranieri, indiani, cinesi, che provengono dall’Erasmus. Ultimo ospite ad esempio, è uno specializzando in Fisiologia dello sport dell’Università di Zurigo, con cui abbiamo intrapreso una collaborazione anche con la stessa Università. Altro aspetto positivo, non consueto per le piccole università del centro-sud, è che grazie a questa volontà di avere un attenzione e un respiro internazionale, siamo riusciti a creare un buon collegamento e tanti iscritti anche dalle regione del nord, come la Lombardia o del Veneto. Sicuramente ciò è dovuto all’interesse che in queste regioni già esiste, per il benessere fisico. Basti pensare che solo la zona del Trevigiano ha più di 6000 centri fitness e benessere. In ogni caso, questi risultati sono ottenuti comunque attraverso il forte impatto comunicativo che Camerino sviluppa verso l’esterno, sia attraverso il sito dell’Università stessa, che dalla propria presenza nelle fiere del fitness e del wellness: anche con piccoli numeri, l’università ha cercato di avere un’ apertura sia nazionale che internazionale non indifferente, puntando soprattutto sulla qualità e sulla possibilità di svariati servizi offerti."
Ultimo aggiornamento ( Sunday 22 February 2009 )
 
< Prec.   Pros. >