english espanol francais
Sei in: Home arrow Le news arrow Fumo e altri fattori di rischio cardiovascolare: Studio InterHeart arrow Notizie arrow Ultime 




A.L.B.A. SOSTIENE LA CAMPAGNA
GIU' LE MANI DAI BAMBINI

Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini

TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Le news Notizie Ultime

Cerca per tag : SOIA, NUTRIZIONE, PROTEINE, emicrania, mal di testa


Fumo e altri fattori di rischio cardiovascolare: Studio InterHeart PDF Stampa E-mail
Tuesday 13 November 2007

Rating 0.0/5 (0 vote)

    il Cardiologo e i Killers globali della salute cardiovascolare. La battaglia è quotidiana, dichiara il Dr. D'ASCENZO, dell'ASREM Molise. Vigilare e presidiare con ogni arma disponibile, soprattutto con la prevenzione, è l'imperativo di tutti gli operatori coinvolti.

 The global Health Killers

Secondo i più recenti dati, sempre fonte OMS, nei paesi occidentali le malattie cardiovascolari sono responsabili del 50% delle morti, pari a 17 milioni ogni anno, contro il 27% dovuto ai tumori. Fino ai 65 anni il problema è essenzialmente maschile, fino a tre volte di più, poi i dati si equilibrano fino ad arrivare a una maggiore mortalità femminile.  Le malattie cardiovascolari sono responsabili di una morte su tre nel mondo e di una su due nei paesi occidentali e le previsioni non sono molto allegre. Per il 2020, infatti 
gli esperti dell’OMS prevedono un aumento di 250000 morti l’anno per le malattie legate al cuore anche nei paesi in via di sviluppo. Ma non è finita qui. Ma quali sono i fattori di rischio e sono uguali in tutto il pianeta?
Lo studio INTERHEART
Lo studio nasce dalla constatazione che sebbene oltre l’80% del peso globale delle malattie cardiovascolari ricada sui paesi più poveri, la conoscenza dei fattori di rischio viene in gran parte dai paesi più sviluppati. Succede così che l’effetto degli stessi fattori di rischio sulle malattie coronariche in molte regioni del mondo sia pressoché misterioso. I ricercatori hanno così organizzato uno studio caso-controllo standardizzato su infarti del miocardio verificatisi in 52 paesi, rappresentativi di tutti i continenti. Sono stati arruolati complessivamente 15152 casi e 14820 controlli. I risultati? I killer del cuore sono nove: fumo, alti livelli di colesterolo, ipertensione, diabete, obesità addominale, stress, mancanza di consumo quotidiano di frutta e verdura, consumo di alcol e mancanza di esercizio fisico. Tutti fattori ripetutamente evocati ma che, e qui sta la novità di INTERHEART, sembrano scatenare l’infarto allo stesso modo in tutte le regioni e in tutte le popolazioni del mondo, indipendentemente dall’etnia. Se, infatti, si valuta il rischio relativo, per il fumo il valore è di 2,87, per i livelli di colesterolo è di 3,25, per l’ipertensione 1,91, per il diabete 2,37, per l’obesità addominale 1,12, per i fattori psicosociali 2,67, per il consumo di frutta e verdura 0,70, per il consumo di alcol 0,91 e, infine, per l’attività fisica 0,86. Si calcola che, tutti insieme i nove fattori permettano di prevedere il rischio di un attacco di cuore nel 90% dei casi. Un chiaro segnale che l’approccio preventivo deve essere uguale in tutto il mondo, calibrato, naturalmente, a seconda delle differenze economiche e culturali. Si tratta, infatti, di nemici evitabili di cui i più pericolosi sembrano fumo e obesità che sono responsabili di due attacchi cardiaci su tre. Combatterli, perciò, sottolineano i ricercatori, è la principale sfida dei prossimi anni. Al momento le stime non sono ottimiste visto che il numero dei fumatori è in aumento in Asia e in molti paesi in via di sviluppo, al punto che il fumo potrebbe diventare la prima causa di morte nel 2020. E anche l’obesità rappresenta una seria minaccia per la salute globale. La sfida è lanciata ora sta alle singole nazioni raccoglierla.

Riferimenti:Yusuf S et al. Effect of potentially modifiable risk factors associated with myocardial infarction in 52 countries (the INTERHEART study): case-control study. The Lancet, Published online September 3, 2004
Ultimo aggiornamento ( Thursday 21 February 2008 )
 
< Prec.   Pros. >