english espanol francais
Sei in: Home arrow Le news arrow QUEL ROMPICAPO CHIAMATO INTEGRATORE arrow Notizie arrow Ultime 




A.L.B.A. SOSTIENE LA CAMPAGNA
GIU' LE MANI DAI BAMBINI

Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini

TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Le news Notizie Ultime

Cerca per tag : SOIA, NUTRIZIONE, PROTEINE, emicrania, mal di testa


QUEL ROMPICAPO CHIAMATO INTEGRATORE PDF Stampa E-mail
Monday 18 October 2010

Rating 0.0/5 (0 vote)

Dietro il titolo della news, sicuramente in grado di incuriosire, si nasconde la grossa confusione che regna su queste come su altre sostanze, con il rischio, anche da parte di Esperti, o presunti tali, di dare luogo a periclose  e fuorvianti generalizzazioni.
il termine "integratori alimentari" indica dei veri  propri  alimenti - e non farmaci - e come tali sono regolamentati e soggetti a tutte le norme applicabili agli alimenti. Sono fonti concentrate di nutrienti o altre sostanze con effetto nutrizionale, ad esempio vitamine, minerali, ecc. o fisiologico (ad esempio estratti vegetali), il cui scopo è di supplementare ed integrare la normale dieta e contribuire al benessere dell’organismo. Vengono commercializzati in forme predosate. Ciò significache  sono studiati per essere assunti in piccole quantità misurabili e misurate per garantire ai consumatori sicurezza e corretto uso. Si presentano solitamente in forma di tavolette, capsule, compresse, chewing gum, bustine di polveri, fiale di liquidi, flaconcini e flaconi, contagocce ed altre forme similari di liquidi e polveri.
Oggi si sente poi parlare spesso di alimenti funzionali. Quali sono le differenze fra Integratori ed Alimenti funzionali? Gli integratori, come abbiamo detto,  sono fonti concentrate di nutrienti o altre sostanze con effetto nutrizionale o fisiologico, in forme come capsule, compresse, chewing gum, bustine I cosiddetti alimenti funzionali o "functional food", sono invece prodotti alimentari che vantano proprietà salutistiche – es. yogurt, cereali, latte - in qunto "arricchiti" dall’aggiunta di sostanze specifiche, quali ad esempio vitamine, minerali, omega-3, fitosteroli, fibre.
Negli innumerevoli "spazi salute" di trasmissioni TV, riviste ecc, si fa spesso una grande confusione fra integratori a basedi erbe (ad esempio tavolette di fibre) e fitofarmaci. Ma Integratori a base di erbe e fitofarmaci (farmaci a base vegetale): sono la stessa cosa?
Assolutamente no! Gli integratori a base di erbe sono sempre e comunque alimenti, mentre le fitomedicine o fitofarmaci sono farmaci a tutti gli effetti. La fitocomponente degli integratori (la parte estratta dall'erba), per tipologia (cioè, tipo di erba), contenuto di principi attivi e modalità di consumo, non produce infatti effetti terapeutici, ma ad essa è riconosciuto piuttosto un ruolo di supporto alle funzioni fisiologiche dei vari apparati dell’organismo. Il processo di produzione di un integratore a base di erbe poggia su alcuni passaggi fondamentali, quali la selezione, l’esame fitochimico, la standardizzazione. Le cosiddette "fitomedicine o fitofarmaci" vengono definiti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità come "prodotti medicinali finiti, provvisti di etichetta, che contengono come principi attivi esclusivamente delle piante o delle associazioni di piante allo stato grezzo sotto forma di preparati". La normativa comunitaria attuale considera i fitofarmaci farmaci a tutti gli effetti, per cui la loro vendita è autorizzata solo se è dimostrata la loro sicurezza ed efficacia, sono prescritti solo da Medici  e distribuiti da Farmacisti. 
Un'ultima controversia è quella se esiste differenza fra Integratori e prodotti Dietetici.
Gli integratori alimentari non possono essere considerati prodotti dietetici in quanto questi ultimi rispondono ad esigenze nutrizionali o condizioni fisiologiche particolari. Il prodotto dietetico, secondo il Dlg 111 del 27 gennaio 1992, è un prodotto destinato ad un’alimentazione particolare e risponde alle esigenze nutrizionali delle persone con difficoltà di assimilazione o con metabolismo perturbato, in condizioni fisiologiche particolari, dei lattanti e bambini nella prima infanzia. Il prodotto dietetico si deve distinguere nettamente dagli alimenti di consumo corrente, deve essere adatto ad uno specifico obiettivo nutrizionale e commercializzato con l’indicazione dell’obiettivo nutrizionale. Fanno parte dell’area dei dietetici alcune tipologie di prodotti, i prodotti destinati a diete ipocaloriche per riduzione del peso, i prodotti destinati ai celiaci o nefropatici, i prodotti per gli sportivi.

Servizio scientifico A.L.B.A. - la riproduzone totale, non parziale, è consentita purchè sia chiaramente indicata la fonte dell'articolo.
Ultimo aggiornamento ( Monday 18 October 2010 )
 
< Prec.   Pros. >