english espanol francais
Sei in: Home arrow Le news arrow QUANDO E' IL FARMACO AD AUMENTARE IL PESO CORPOREO arrow Notizie arrow Ultime 




A.L.B.A. SOSTIENE LA CAMPAGNA
GIU' LE MANI DAI BAMBINI

Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini

TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Le news Notizie Ultime

Cerca per tag : SOIA, NUTRIZIONE, PROTEINE, emicrania, mal di testa


QUANDO E' IL FARMACO AD AUMENTARE IL PESO CORPOREO PDF Stampa E-mail
Sunday 26 September 2010

Rating 0.0/5 (0 vote)

Non solo l’introito calorico e la vita sedentaria, anche alcuni farmaci possono causare gonfiore e aumento del peso. Cosa fare in caso si debbano assumere per lunghi periodi.


Quando siamo di fronte ad un aumento di peso, il primo a essere accusato è il cibo. Meno spesso è il proprio stile di vita sedentario a essere messo sotto accusa. Ma la realtà è che esistono anche molte medicine che se da una parte hanno effetti positivi sulla salute, dall'altra possono causare un aumento di peso in quanto stimolanti dell'appetito, provocare gonfiore o rallentare il metabolismo. Vediamone alcune.

CORTICOSTEROIDI

Farmaci steroidei sono assai utilizzati per trattare determinate patologie come allergie, asma e artriti reumatoidi.

Gli steroidi sono normalmente prodotti dal corpo umano, ma un eccesso causato dall'assunzione di farmaci che li contengano può causare la stessa risposta che si avrebbe nell'organismo in situazioni di forte stress. In queste circostanze, infatti, il cortisolo, tende a ridistribuire il grasso allo stomaco, dov'è facilmente reperibile. Per ragioni non del tutto note, tessuto adiposo viene accumulato anche nella parte posteriore del collo, una condizione nota come  Sindrome di Cushing. Gli steroidi sono anche i responsabili di un rilascio maggiore di zuccheri nel sangue che finisce per essere accumulato come il grasso, provocando ritenzione idrica, senza considerare i risvolti sulla glicemia.

I pazienti che assumono glucocorticoidi possono aumentare il loro peso fin del 7% o anche di più. Alcuni studi hanno addirittura rilevato che per un uso prolungato di farmaci steroidei si può arrivare a pesare fino a quasi 13 kg di più.

Cosa fare: parlarne con il Medico  e valutare con lui la possibilità di aggiustamenti posologici miranti ad avere il massimo effetto terapeutico con il minimo dosaggio. Si può anche verificare con il Medico se sia possibile assume in alternativa acido acetilsalicilico (aspirina) o  FANS, quali o ibuprofene (principio attivo dei farmaci antinfiammatori per l'appunto non steroidei) o altri.

FARMACI ANTI-DIABETICI

A molte persone affette da diabete di tipo 2 vengono prescritti antidiabetici a base di sulfonilurea che agisce stimolando l'organismo a dismettere maggior quantità di insulina per abbassare gli alti livelli di zuccheri nel sangue. Ma in alcuni casi queste medicine provocano una caduta così repentina dei valori da creare nel paziente un forte nervosismo che si traduce nella necessità, a volte,  di dover mangiare di più. Anche i tiazolidinedioni (TDZs) rendono il corpo più sensibile all'insulina e quindi permettono un miglior controllo dei livelli di zucchero nel sangue, ma allo stesso tempo trattengono sali causando gonfiore e aumento di peso.

Possibili aumenti di peso: studi hanno scoperto che la sulfonilurea può portare il peso ad aumentare di circa 3 kg o 5 kg nei primi 12 mesi di trattamento. Le TDZs sono responsabili di minori aumenti di peso: da 1 a 2,5 kg.

Cosa fare: Secondo i diabetologi britannici esisterebbero diverse possibilità come usare anti-diabetici come la metformina che sembra avere una azione favorente  sul controllo del peso.

 

FARMACI CONTRO LE ALLERGIE

Molti trattamenti (non farmaci veri e propri) contro le allergie contengono difenidramina, un componente che controlla e blocca i recettori cerebrali deputati al rilascio di istamino-simili, a loro volta responsabili dello scatenarsi dei tipici sintomi allergici come gonfiore e prurito. Allo stesso tempo però la difenidramina induce sonnolenza (in alcuni casi è usato anche come blando sonnifero da vendersi senza prescrizione medica) rendendo le persone più pigre e molto meno attive. Gli antagonisti dell’istamina agiscono anche sui recettori che controllano l'appetito, rendendo i pazienti più affamati.

Possibili aumenti di peso: Studi hanno evidenziato che i pazienti che assumono antagonisti dell’istamina per lungo tempo rischiano di aumentare fino all'1% il peso corporeo.

Cosa fare: Alcuni Medici della Boston University spingono su anti-istaminici di nuova generazione,  più selettivi rispetto ai recettori cerebrali, riducendo il rischio di causare aumenti di peso. In alcuni casi si potrebbe optare per decongestionanti e inalatori sintomatici.

 

FARMACI PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE SANGUIGNA

I betabloccanti vengono usati per trattare malattie cardiovascolari, in casi di ipertensione arteriosa, in alcune forme di aritmie ecc. Essi agiscono abbassando i livelli di adrenalina nel sistema nervoso. A volte però diminuendo la pressione sanguigna,  i pazienti si ritrovano a essere astenici, affaticati e meno propensi all'attività fisica, aprendo la strada all'aumento di peso.

Possibili aumenti di peso: I pazienti che assumono i betabloccanti per problemi cardiaci per anni rischiano di ingrassare addirittura fra i 5 e i 9 kg.

Cosa fare: Alcuni pazienti potrebbero (sotto controllo e parere medico) cambiare terapia optando ad esempio per farmaci chiamati ace-inibitori, che agiscono sui livelli di angiotensina (anziché adrenalina), ormone deputato al rilassamento delle vasi sanguigni che permette il controllo della pressione sanguigna senza stimolare l'appetito.

 

ANTIDEPRESSIVI

In Italia una persona su quattro (cioè circa 15 milione di individui) soffre o ha sofferto di depressione. I farmaci che più frequentemente vengono prescritti per il controllo dei livelli di serotonina sono gli antidepressivi serotoninergici o SSRI (ad esempio il Prozac o il Seroxat e i farmaci generici analoghi). Ma esistono anche altri tipi di farmaci detti triciclici. Questi oltre ad influire sullo stato mentale del paziente possono al contempo attaccare i recettori che comunicano al cervello lo stato di sazietà o di fame, incoraggiando, indirettamente, a mangiare di più.

Possibili aumenti di peso: Secondo studi condotti negli Stati Uniti, dopo sei mesi di assunzione di SSRI i pazienti presentano un aumento di peso del 10%. Il Seroxat viene considerato il maggior responsabile. Con i triciclici i pazienti aumentano da 1-4 a 13-20 kg.

Cosa fare : Secondo una recensione del Giornale di Medicina di Cliveland, è più probabile che l'aumento di peso si verifichi dopo sei mesi di utilizzo continuo. Ma alcuni pazienti potrebbero provare a passare a una famiglia più moderna di antidepressivi a base di bupropione (i più comuni il Wellbutrin o Zyban). Per ragioni ancora in parte sconosciute, questi farmaci sono stati associati a una riduzione di appetito.

 
< Prec.   Pros. >