english espanol francais
Sei in: Home arrow Le news arrow FLAVONIDI: RISCHI E BENEFICI arrow Notizie arrow Ultime 




A.L.B.A. SOSTIENE LA CAMPAGNA
GIU' LE MANI DAI BAMBINI

Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini

TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Le news Notizie Ultime

Cerca per tag : SOIA, NUTRIZIONE, PROTEINE, emicrania, mal di testa


FLAVONIDI: RISCHI E BENEFICI PDF Stampa E-mail
Wednesday 23 June 2010

Rating 0.0/5 (0 vote)

I flavonoidi sono un gruppo di pigmenti contenuti nelle piante, a cui la scienza ha riconosciuto un largo spettro di azioni biologiche, tra cui una considerevole attività protettiva contro i danni causati dai radicali liberi.

A questi composti si devono in gran parte i colori delle piante, dei fiori e dei frutti, e in base alla struttura chimica sono state individuate e classificate più di 4000 sostanze flavonoidi. I flavonoidi svolgono un'azione antiossidante, migliorano l'elasticità dei vasi sanguigni e l'ossigenazione dei tessuti.Invitiamo a leggere questa recente revisione della letteratura sui flavonoidi, ben noti anche come metaboliti secondari del mondo vegetale. Lo studio, anche se pubblicato su una rivista dedicata alla donna, presenta numerosi dati sulle capacità preventive di tale classe di sostanze, che può essere utilizzata per la prevenzione di malattie osteoarticolari, cardiovascolari, neurovascolari e neoplasie maligne, senza distinzione di genere. A nostro giudizio questi dati sono molto interessanti perché i flavonoidi sono contenuti in molti alimenti sani - l'alimento che ne contiene in maggior quantità è il cacao puro - e possono essere considerati un presidio utile per la prevenzione della sindrome metabolica, ben nota problematica clinica che probabilmente può essere prevenuta sin dalla giovinezza con una dieta bilanciata in frutta e verdura. Accanto ai dati riferiti a risconri benefici dei flavonoidi, in questa revue si parla anche dei rischi ad essi associati. E’ particolarmente interessante il paragrafo dedicato ai possibili rischi dei flavonoidi derivanti dalla inattivazione del citocromo 3A4 e 2C9 da parte della silibina oppure l'inibizione della glucorinidazione da parte di estratti a base di kempferolo e quercetina.

Questo a conrfema che non si può generalizzare nelle affermazioni sugli estratti vegetali.

Fonte: Prasain JK. Flavonoids and age-related disease: Risk, benefits and critical windows. Maturitas 2010;66:163-71.

 
< Prec.   Pros. >