english espanol francais
Sei in: Home arrow Le news arrow PREOCCUPANTE LA PRESENZA DI ANTIMONIO NEI SUCCHI DI FRUTTA arrow Notizie arrow Ultime 




A.L.B.A. SOSTIENE LA CAMPAGNA
GIU' LE MANI DAI BAMBINI

Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini

TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Le news Notizie Ultime

Cerca per tag : SOIA, NUTRIZIONE, PROTEINE, emicrania, mal di testa


PREOCCUPANTE LA PRESENZA DI ANTIMONIO NEI SUCCHI DI FRUTTA PDF Stampa E-mail
Thursday 04 March 2010

Rating 0.0/5 (0 vote)

Arriva dalle pagine del noto Journal of Environmental Monitoring la preoccupante notizia che un equipe di scienziati con a capo il dott. Claus Hansen dall'Università di Copenhagen (Danimarca) ha rilasciato in base a uno studio condotto su vari succhi di frutta e spremute in commercio, soprattutto di frutti rossi,
scoprendo che contengono un eccessiva dose di antimonio (finora ne sono stati analizzati 42, di 16 marche diverse prodotti in Danimarca, Scozia e Grecia).
Secondo precedenti studi, l'antimonio è stato collegato a vari effetti e rischi anche gravi come i tumori e problemi cardiaci e polmonari. Risultati, definiti "preoccupanti" dagli stessi ricercatori, che sottolineano l'importanza di indagare più a fondo sul fenomeno, soprattutto perché i consumatori maggiori di questi prodotti sono i bambini. Il sospetto dei ricercatori è che la sostanza inquinante riscontrata nei succhi derivi dagli imballaggi,e non dai succhi stessi: in modo particolare da quelli in Pet (polietilene tereftalato: la tipica plastica delle bottiglie) e TetraPak. L'ipotesi più probabile, infatti, è che l'acido citrico presente nei succhi potrebbe aver accelerato il processo di "passaggio" della sostanza dai contenitori alle bibite.  
Poiché l’antimonio è una sostanza ad elevata tossicità, da tempo la Commissione europea ha stabilito che non può essere presente nelle acque destinate al consumo umano in concentrazione superiore a 0,005 milligrammi per litro, ma non esiste legge che indichi un limite massimo anche negli altri prodotti. In ogni caso, occorrono ulteriori studi per stabilire quali siano i limiti sicuri anche per i succhi di frutta. Un'esigenza, quella di approfondire la ricerca, rilanciata anche dalla Royal Society of Chemistry britannica
.
Ultimo aggiornamento ( Thursday 04 March 2010 )
 
< Prec.   Pros. >