english espanol francais
Sei in: Home arrow Le news arrow DIABETE ED OMEGA 3 arrow Notizie arrow Ultime 




A.L.B.A. SOSTIENE LA CAMPAGNA
GIU' LE MANI DAI BAMBINI

Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini

TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Le news Notizie Ultime

Cerca per tag : SOIA, NUTRIZIONE, PROTEINE, emicrania, mal di testa


DIABETE ED OMEGA 3 PDF Stampa E-mail
Thursday 07 January 2010

Rating 0.0/5 (0 vote)

Gli effetti benefici degli acidi grassi omega-3 nella prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiovascolari sono una realtà ampiamente dimostrata e consolidata. Non ancora completamente definito è il ruolo che possono assumere in alcune condizioni cliniche, come ad esempio nel paziente diabetico tipo 2 in cui agli effetti benefici se ne possono associare altri non desiderati quali una maggiore difficoltà nel controllo glico-metabolico e l'aumento dell'insulino-resistenza.

Le modalità con le quali gli omega-3 riducono il rischio Cardio Vascolare sono ancora oggetto di studio. Tuttavia la ricerca ha dimostrato che essi sono in grado di:
  • Ridurre il rischio di aritmia, che può condurre a morte cardiaca improvvisa
  • Ridurre la trombosi, che può portare all'infarto e all'ictus
  • Ridurre i livelli di trigliceridemia
  • Ridurre la velocità di crescita della placca aterosclerotica
  • Migliorare la salute delle arterie
  • Abbassare (seppure in modo lieve) la pressione arteriosa.

Il paziente diabetico ha un elevato rischio cardiovascolare e pertanto beneficia ancor più del non-diabetico dell'effetto che il consumo di oli di pesce nella dieta ha sui vari fattori di rischio. Bisogna considerare che i trigliceridi sono un importante fattore di rischio cardiovascolare soprattutto nelle donne sia da soli che associati ad alti livelli di LDL e bassi di HDL, che elevati trigliceridi sono fattore indipendente per eventi coronarici maggiori e che nella donna un elevato rapporto tra trigliceridi/HDL è un fattore di rischio più importante rispetto ad un elevato rapporto di LDL/HDL. Infine è bene ricordare la presenza di inquinanti ambientali, quali mercurio e diossine, presenti soprattutto in alcune specie di pesci quali i predatori marini più grandi e più vecchi ed i mammiferi marini (squalo, pesce spada, sgombro reale). A tal proposito si consiglia di evitare grandi assunzioni di queste specie e lo si consiglia in particolare ai bambini, alle donne in gravidanza ed a quelle in allattamento.
L'American Heart Association raccomanda di assumere pesce (in particolare pesce “grasso”), almeno due volte alla settimana. Si raccomanda inoltre di mangiare acidi grassi omega-3 derivanti da cibi vegetali, quali: il tofu ed altri tipi di fagioli di soya, canola, noci, semi oleosi, contengono l'acido alfa-linolenico (LNA). Questo è un tipo di acido omega-3 meno potente. I vantaggi ed i rischi dell'assunzione alimentare di pesce variano in dipendenza dello stadio di vita delle persone.
1 . I bambini, le gestanti e le donne che allattano hanno solitamente un minor rischio Cardio Vascolare, mentre potrebbero essere a maggior rischio di esposizione all'eccesso di mercurio. è pertanto assolutamente prioritario, in queste persone, evitare il pesce ad alto rischio di contaminazione inquinante.
2 . Per gli uomini di media età o più anziani e per le donne in fase postmenopausale, i vantaggi di un'alimentazione ricca in pesce sono di gran lunga superiori ai rischi, nel contesto delle linee guida della FDA e dell'Agenzia della Protezione dell'ambiente.
3 . Assumere diverse varietà di pesce è inoltre in grado di minimizzare gli effetti potenzialmente dannosi degli inquinanti ambientali.
Ricorrere all'integrazione alimentare di omega 3, soya ec. diventa fondamentale se non si riesce ad assumere in quantità accettabili tali principi con la normale dieta.
Dr. G. D'Ascenzo - Cardiologo

 
< Prec.   Pros. >