english espanol francais
Sei in: Home arrow Le news arrow CIRINO, IGNARRO E ALTRI: H2S, LA NUOVA FRONTIERA TERAPEUTICA DELLA DISFUNZIONE ERETTILE? arrow Notizie arrow Ultime 




A.L.B.A. SOSTIENE LA CAMPAGNA
GIU' LE MANI DAI BAMBINI

Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini

TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Le news Notizie Ultime

Cerca per tag : SOIA, NUTRIZIONE, PROTEINE, emicrania, mal di testa


CIRINO, IGNARRO E ALTRI: H2S, LA NUOVA FRONTIERA TERAPEUTICA DELLA DISFUNZIONE ERETTILE? PDF Stampa E-mail
Thursday 03 December 2009

Rating 0.0/5 (0 vote)

l’odore è veramente sgradevole, ma da secoli la credenza popolare attribuisce a quel gas che sa di uova marce, l'idrogeno solforato (H2S), e che abbonda nelle solfatare di Pozzuoli, proprietà miracolose. La scienza  ha deciso di rivolgere all'H2S la sua attenzione. Questo gas infatti potrebbe diventare la nuova frontiera terapeutica della disfunzione erettile. Sull’H2S e sugli studi ad esso riferiti, eseguiti da Giuseppe Cirino, Preside Facoltà di Farmacia Federico II Napoli, componente fra l’altro del board A.L.B.A., si sta creando grande interesse. Riteniamo pertanto assai utile questo approfondimento. 


 

Con Cirino hanno collaborato illustri coworkers, come Vincenzo Mirone, della Clinica Urologica Federico II di Napoli e, potremmo dire immancabile, visto il sodalizio umano, oltre che professionale che lo lega a Cirino,  Louis J Ignarro, Nobel 1998 per la scoperta dell’ossido nitrico. Lo studio è stato appena pubblicato su una prestigiosa rivista scientifica mondiale, dove si chiarisce come questo gas, liberato dalle cellule dell'organismo,  venga coinvolto nell'omeostasi vascolare e nei meccanismi di vasodilatazione. 
La spiegazione del meccanismo d’azione dell’H2S, anch’esso prodotto a livello endogeno,  vede, secondo Cirino,  nell’L-Cisteina una pietra essenziale. Nello specifico, due sono  gli enzimi deputati alla sintesi di H2S: la cistationinabetasintasi (CBS) e la cistationina gammaliasi (CSE). Tali enzimi catalizzano la sintesi di H2S a partire dall'aminoacido L-Cisteina in presenza di cofattori, come il piridossal5'fosfato. L’espressione in cui tali geni si trovano nei vari organi è differente. Lo studio condotto su tessuto umano ha evidenziato che il tessuto del pene contiene i due enzimi (CBS e CSE) responsabili della conversione di L-cisteina in H2S e che gli enzimi, sono convenientemente localizzati nell' endotelio e/o nella muscolatura liscia per poter svolgere la loro funzione. Negli ultimi anni  questo gas ha suscitato l'interesse del mondo scientifico per i suoi effetti sui tessuti del corpo cavernoso. Ci sono molti studi che hanno dimostrato che questo gas è importante per la funzione cardiovascolare, ma il gruppo di studio si è concentrato negli effetti su tessuti erettili umani. A tale proposito la collaborazione della Clinica urologia dell'Università Federico II è stata essenziale. Il lavoro di ricerca è stato eseguito su un campione di otto tessuti di corpi cavernosi, dimostrando che il tessuto umano ha gli enzimi necessari per operare la conversione dell'amonoacido L-cisteina in idrogeno solforato. Una via metabolica presente nel corpo cavernoso dell'uomo responsabile della vasodilatazione e cioè dell'erezione. Parallelamente, in ratti da esperimento, si è dimostrato che una somministrazione di una soluzione contenente idrogeno solforato causa erezione. La domanda lecita è se potremo disporre, a breve, di un nuovo Viagra. La risposta è promettente, in quanto H2S pare funzionare, e qui sarebbe la differenza fondamentale con il noto farmaco,  anche in presenza di gravissima compromissione endoteliale. La via metabolica dell'(H2S), L-cisteina/idrogeno solforato, dice Cirino, “può addirittura funzionare anche in assenza di endotelio e cioè in persone in cui l'endotelio non funziona più”. Tecnicamente quella dell' H2S è una via metabolica che ha  lo stesso effetto finale di quella dell'ossido nitrico, sul quale si basano i farmaci come il Viagra, Levitra eccetera. 

Questa via metabolica alternativa dell'idrogeno solforato, funziona in maniera analoga a quella dell'ossido nitrico, ma, inoltre, è in grado di agire anche sulla muscolatura liscia in assenza di endotelio, quindi si presenta come un' alternativa importante per sviluppare nuovi farmaci per la disfunzione erettile. Tutti ci chiediamo se è lecito aspettarsi un impiego anche in ambito cardiovascolare. Partendo dall’assioma che il corpo cavernoso è un esempio di microcircolazione, è plausibile pensare che  questi farmaci si possono sviluppare per la disfunzione erettile, ma in realtà sono nati per il cardiovascolare. La storia del Viagra insegna: nato come farmaco contro l'angina, è diventato, poi, la pillola leader della disfunzione erettile. Basta però consultare la letteratura scientifica relativa al sildenafil per trovare trattamenti per l'ipertensione polmonare e patologie cardiovascolari e nessuno può negare, continua Cirino, il collegamento fra le due applicazioni. Qui il discorso eventualmente sarebbe inverso. H2S sviluppato a livello della disfunzione erettile per poi arrivare a successive applicazioni in campo cardiovascolare. Le premesse sono incoraggianti, questo secondo il gruppo di Studio, cui ha  partecipato, fra gli altri, anche la dottoressa Roberta d'Emmanuele di Villa Bianca, ospite al Convegno A.L.B.A. dell’aprile 2008 a Rimini, dove erano presenti, oltre Cirino, lo stesso Ignarro, e per la parte cardiovascolare, limitatamente al tema discusso nella sede dell'evento, Giuseppe  D’Ascenzo, del nostro Direttivo.




 

Ultimo aggiornamento ( Wednesday 10 March 2010 )
 
< Prec.   Pros. >